Cosa c’è di così speciale in un monopattino?

Un monopattino o mini-moto è di solito una moto a bassa velocità con un telaio a passo dritto e una piattaforma a due ruote per le gambe e i piedi del pilota. Gli scooter sono stati creati da prima del 1914, e le parti dell’architettura dei monopattini si sono evolute dal telaio di base usato sulle moto ai più complessi scooter a tre ruote che sono ampiamente popolari oggi. Anche se questi veicoli sono generalmente più piccoli delle moto a grandezza naturale, molti sono capaci di velocità superiori a 50 km all’ora. Tuttavia, il modo migliore per conoscere e capire questo fantastico piccolo veicolo è iniziare con le basi: cosa è effettivamente un monopattino e come funziona.

Ecco qui altre informazioni su quest’argomento

Un monopattino, a volte chiamato ciclomotore, è generalmente molto meno stabile di una motocicletta. Per raggiungere il suo basso limite di velocità, ha un telaio che spinge il veicolo in avanti piuttosto che le sue quattro ruote sono direttamente attaccate al telaio. Di solito ha una sola catena e una ruota, piuttosto che le due della maggior parte delle motociclette. Una caratteristica distintiva dei monopattini è che hanno un singolo corno – molto simile al suono distintivo di un cavallo – sulla parte anteriore del veicolo. I ciclomotori, invece, usano due corni separati.

I motori a benzina dei monopattini spingono il veicolo convertendo l’energia meccanica in energia elettrica, che viene poi trasferita alle ruote del veicolo per la propulsione. Il motore alimenta il veicolo utilizzando una trasmissione a catena e un sistema di ingranaggi, anche se il metodo esatto di trasmissione non è del tutto chiaro. Indipendentemente da ciò, il motore e tutti i componenti che ospita sono situati molto vicino al pilota nel caso di uno mezzo, consentendo un comodo pilota montato basso. Inoltre, la maggior parte delle ruote di monopattini (assi) sono costruite in alluminio, rendendole altamente flessibili, leggere e resistenti. Infine, a differenza delle moto, le ruote dei monopattini hanno solitamente una protezione delle nocche attaccata sul davanti, permettendo al pilota di essere in grado di controllare le ruote in entrambe le direzioni.